LA CURA DEL MAL DI TESTA…secondo la Clinica!

LA CURA DEL MAL DI TESTA…secondo la Clinica!

Se soffri di mal di testa cronico o di emicrania, potresti pensare di aver esaurito ogni possibile opzione terapeutica. Ma è davvero così?

Quando soffri, tutta la vita può sembrare un lungo mal di testa e l’unica cosa che ha senso è trovare una soluzione definitiva o per lo meno efficace!

Quando si esaminano le cause di questi mal di testa, non è sempre chiaro da dove provengano. Ci sono molti fattori con ruoli diversi che concorrono all’insorgenza delle cefalee. Ad esempio, i fattori scatenanti sono quelli che provocano un attacco: sono numerosi e personali.

Ognuno di essi può provocare un mal di testa in quei momenti “più delicati” in cui il sistema nervoso deve affrontare un cambio degli equilibri interni: inizio o fine giornata, giorni delle mestruazioni, riunioni lavorative, discussioni famigliari.

 Tra i fattori scatenanti vi sono gli alimenti, l’alcol, i cambiamenti ormonali, l’esposizione al sole, l’esercizio fisico, i disagi psico-emotivi, la mancanza di riposo, un sonno disturbato…l’elenco è lungo! E se un fattore scatenante non provoca un episodio di emicrania un giorno, un altro potrebbe farlo un altro! È una questione personale e dipende da quali circuiti neuronali non stanno funzionando bene in quel determinato giorno. Ecco perché è importante compilare un diario ed annotare cosa ha provocato l’attacco.

E il collo (la cervicale)? Può essere parte del problema? Abbiamo una buona notizia: l’80% delle persone che soffrono di cefalee ed emicranie croniche ha una componente cervicale, cioè ha dolori, tensioni e limitazioni di movimento del collo.

L’approccio fisioterapico per il trattamento delle cefalee utilizzato dalla Clinica del Mal di Testa Diversamente Benessere è estremamente efficace al riguardo perché permette di verificare subito il ruolo provocativo della cervicale e di trattarlo con tecniche specifiche ed esercizi attivi.

La buona notizia è che la ricerca ha dimostrato che questo approccio riduce i livelli di irritazione e ipersensibilità dei circuiti nervosi responsabili dell’insorgenza degli attacchi di mal di testa.

Ogni giorno ascoltiamo, valutiamo e trattiamo pazienti con la “loro storia di mal di testa”, ed ogni giorno contribuiamo in varie forme ed in vari modi al loro benessere!

Affidati alla Clinica del Mal di Testa del nostro Centro!

NON E' SOLO QUELLO CHE FAI, MA CIO' CHE PENSI DI FARE CHE FA LA DIFFERENZA.

NOI TI AIUTIAMO A FARLA!

Vertigini o Dizziness?

Vertigini o Dizziness?

Le vertigini sono una distorsione percettiva sensoriale che altera, appunto, la percezione di movimento del proprio corpo rispetto all’ambiente esterno o dell’ambiente esterno rispetto al corpo o entrambi.

A volte il termine viene confuso con quello di dizziness (stordimento o capogiro) con cui si fa riferimento similarmente a un disturbo spiacevole dell’orientamento spaziale o all‘erronea percezione di un movimento. La dizziness cervicogenica o vertigo cervicale è una condizione clinica particolare in cui il rachide cervicale gioca il ruolo chiave.

Questi disturbi sottintendono tutta una vasta sintomatologia caratterizzata non solo da vera vertigine ma anche da sensazioni, solitamente meno intense (ma non per questo meno fastidiose), di instabilità, disequilibrio e stordimento, la cui natura non necessariamente differisce da quelle delle forme più tipicamente rotatorie, e alla cui base vi sono spesso le stesse patologie.

Disturbi dell’equilibrio, cosa sono?

L’equilibrio è controllato da tre sistemi: vestibolare (labirinto/orecchio), visivo (occhi) e propriocettivo (muscoli, articolazioni); tutto ciò è coordinato dal sistema nervoso centrale. In caso di disfunzione di questo complesso sistema, avremo vertigine e/o dizziness.

I disturbi dell’equilibrio vengono distinti in:

  • Vertigine vestibolare con sensazione di instabilità e di rotazione;
  • Dizziness non vestibolare (vertigo cervicale) con sensazione di capogiro, stordimento, galleggiamento, oscillamento e dondolio;
  • Fobie con paura dell’altezza, degli ambienti, etc;
  • Mal di trasporto con ipersensibilità centrale agli stimoli di movimento;
  • Presincope con svenimento.

La vertigine vestibolare periferica è il tipo più frequente di disturbo acuto dell’equilibrio. L’episodio di vertigine è acuto, improvviso, accompagnato spesso da nausea e vomito, sintomi uditivi, rari sintomi neurologici e con rapida risoluzione.

Vertigini e dizziness, quali sono le differenze?

Vertigine: indica propriamente il disturbo caratterizzato dalla sensazione di rotazione dell’ambiente circostante o del proprio corpo. Spesso sono accompagnate da nausea, vomito, mal di testa, problemi visivi, aumento del battito cardiaco.

Dizziness: indica genericamente i disturbi dell’equilibrio intesi come stato di instabilità e capogiri; può essere caratterizzato da sensazione di svenimento, debolezza e instabilità, talvolta accompagnate da nausea e senso di confusione.

Quali sono le caratteristiche della vertigine?

Per la vertigine vestibolare: sensazione rotatoria, prevalentemente episodica con fattori scatenanti dati da movimenti della testa e del corpo e con sintomi associati come nausea, vomito, acufene ed ipoacusia.

Per la vertigine non vestibolare: sensazione di stordimento, oscillamento, dondolio e capogiro, spesso costante nel tempo, con fattori scatenanti come ansia, stress, iperventilazione, aritmia cardiaca, iperventilazione e con sintomi associati come cefalea, pallore, parestesia e sincope.

Quali possono essere le cause dei capogiri?

Le cause più frequenti sono l’ipertensione e l’ipotensione arteriosa, la presincope vasovagale o neurocardiogena, la presincope cardiogena, l’ipoglicemia, il disturbo di panico e il disturbo d’ansia, la sindrome depressive, la grave anemia, i disturbi della visione, le patologie osteoarticolari cervicali, gli effetti collaterali e l’intossicazione da farmaci o da alcol.

Quali sono le cause delle vertigini?

 Le cause più comuni sono:

  • Vertigine parossistica posizionale benigna
  • Neurite vestibolare/ Labirintite
  • Labirintite otogena
  • Vertigine nella sordità improvvisa
  • Malattia di Meniere
  • Fistola perilinfatica
  • Labirintopatie da intossicazione
  • Vascolare (insufficienza vertebro-basilare)
  • Vertigine in varie patologie neurologiche
  • Vertigini psicogene
  • Vertigine post-traumatica, in particolare a carico del distretto cervico-temporo mandibolare ed orecchio

 La diagnosi e l’eziopatogenesi della vertigine e degli altri disturbi dell’equilibrio avviene tramite l’anamnesi, la valutazione clinica, ed eventuali indagini strumentali.

 

Dott. Lorenzo Rossi, fisioterapista

NON E' SOLO QUELLO CHE FAI, MA CIO' CHE PENSI DI FARE CHE FA LA DIFFERENZA.

NOI TI AIUTIAMO A FARLA!

Vertigini : Trattamenti e Rimedi Manuali

Vertigini : Trattamenti e Rimedi Manuali

Con il termine vertigine si intendono infatti 2 condizioni peculiari:

  1. quella in cui il paziente sperimenta una sensazione di rotazione del corpo rispetto all’ambiente circostante (la vertigine soggettiva),
  2. quella in cui il soggetto ha la sensazione che l’ambiente ruoti rispetto al suo corpo (vertigine oggettiva).

La prima si associa verosimilmente a problemi neurologici centrali mentre la seconda a disordini infiammatori, meccanici o patologici del sistema vestibolare. Pertanto la terminologia più corretta sarebbe sindrome cervicale pseudo-vertiginosa.

 

La cervicale e il controllo motorio e posturale

I muscoli e le articolazioni cervicali forniscono continuamente al sistema nervoso informazioni fondamentali per il controllo motorio e posturale che può essere definito come la capacità di un soggetto di eseguire la miglior performance di movimento, con il dispendio energetico minore, mantenendo stabile la base di appoggio e l’orizzontalità dello sguardo.

Qualsiasi problema o disfunzione a carico dei recettori meccanici e nocicettivi cervicali comporta un’alterazione del controllo motorio e posturale con conseguenti segni e sintomi specifici tra cui i più comuni sono la cefalea e appunto la vertigine.

 

 

Sintomi delle vertigini da cervicale

La vertigine cervicale, o meglio i sintomi vertiginosi da cervicale hanno queste 3 caratteristiche fondamentali:

  • una frequenza episodica (mentre la vertigine vestibolare dipende strettamente dai movimenti della testa e del corpo),
  • possono durare minuti o ore (la vertigo vestibolare dura secondi o minuti),
  • i movimenti e i dolori del collo influenzano i sintomi (la vertigine vestibolare è influenzata da cambiamenti di posizione del corpo, rotolamenti nel letto, movimenti veloci della testa).

I sintomi vengono così descritti dalle persone affette,:

  • sensazione aspecifica di orientamento alterato, dunque disorientamento: “mi sento sbandare”, “barcollo” , “ooopppss dove siamo?”
  • instabilità posturale o sensazione vaga di disequilibrio da fermo: “è come se fossi ubriaco”
  • sensazione di leggerezza della testa
  • visione offuscata, nausea, dolori al collo
  • difficoltà di concentrazione e di lettura (le parole saltano sulla pagina)
  • alterazioni visive: il contorno degli oggetti sembra sfocato
  • difficoltà a camminare al buio o sulle scale – mal di testa (se la cefalea è già presente, può peggiorare notevolmente).

 

Vertigini da cervicale e rimedi manuali

 La terapia manipolativa ortopedica e osteopatica sono un rimedio molto efficace per le problematiche vertiginose di origine cervicale, a patto di rivolgersi a professionisti sanitari laureati e preparati. Le tecniche sono eseguite manualmente, senza alcun farmaco ovviamente.

Le principali tecniche di terapia manuale sono: 

  • tecniche di rilasciamento miofasciale che consistono in digitopressioni graduali e profonde, statiche o dinamiche, esercitate su articolazioni, muscoli e area fasciale relativa al fine di indurre per via riflessa nervosa, un miglioramento della vascolarizzazione e della mobilità, una riduzione della tensione tissutale e una stimolazione dei naturali meccanismi antidolorifici interni;
  • mobilizzazioni articolari specifiche sostenute accoppiate a movimenti naturali (SNAGS del Mulligan Concept)
  • manipolazioni articolari ad alta velocità (HVLA Thrust) utili per ottenere anch’esse per via riflessa nervosa, una riduzione delle tensioni muscolari, un aumento della mobilità articolare e una stimolazione neurale antidolorifica;
  • tecniche di dry cleaning o puntura a secco, cioè tecniche invasive intramuscolari eseguite su aree muscolari particolarmente tese e sintomatologiche al fine di ridurre la rigidità locale, ripristinare la mobilità e stimolare processi antinfiammatori e antidolorifici sia a livello del sistema nervoso periferico e centrale;
  • esercizi terapeutici posturali e tonici , semplici e pratici da eseguire in autonomia al lavoro e a casa, al fine di guadagnare ulteriori miglioramenti e mantenere i risultati nel tempo.

 Generalmente sono sufficienti poche sedute (4-6) per miglioramenti evidenti e significativi.

La terapia manuale aiuta a ridurre o eliminare le restrizioni di mobilità e funzionalità articolare, neurale e miofasciale che sono causa diretta o indiretta di nocicezione periferica e irritazione del sistema nervoso, e favorisce l’ottimizzazione funzionale locale e a distanza, migliorando il controllo senso-motorio e posturale.

 

 

Rivolgiti al nostro centro e risolvi il tuo problema di vertigine da cervicale!

 

 

Per saperne di più leggi l’articolo completo  :

https://www.clinicadelmalditesta.it/vertigini-da-cervicale/

NON E' SOLO QUELLO CHE FAI, MA CIO' CHE PENSI DI FARE CHE FA LA DIFFERENZA.

NOI TI AIUTIAMO A FARLA!

Il Sistema Tonico-Posturale

Il Sistema Tonico-Posturale

 

Circa 200.000 anni fa, prima dei più sofisticati algoritmi, un sistema analogo esisteva già: il Sistema Tonico-Posturale!

Il suo compito è quello di raccogliere informazioni dal nostro ambiente esterno e interno, rielaborarle e fornire una risposta utile a contrastare la forza di gravità e le altre perturbazioni date da forze esterne.

È interessante l’analogia informatica per descrivere il sistema tonico posturale.

Esso è composto da un sistema afferente che trasmette le informazioni al nostro sistema nervoso centrale il quale, dopo averle elaborate, controlla le variazioni posturali tramite il sistema neuro-muscolare. Tale sistema, pur non essendo completamente conscio, è differente da un puro riflesso, in quanto è influenzato da apprendimento ed esercizio.

Esempi classici e quotidiani: il sistema posturale è quel sistema che ci permette di restare in piedi sull’autobus o in metropolitana; è quel sistema che ci fa camminare o correre sul prato o sulla sabbia, ecc…

Ogni gesto motorio che quotidianamente facciamo sono la risultante di informazioni che dalla periferia vanno verso il centro (cervello) in maniera bidirezionale, di apprendimento (un movimento, un gesto appreso lo facciamo anche senza esserne coscienti…), e anche di componente emozionale/psichica.

Come funziona il sistema tonico posturale?

Al sistema posturale concorrono per mantenere l’equilibrio tonico le seguenti strutture con le relative funzioni specifiche:

  • Input somatosensoriali:
    • Muscoli;
    • Visuo-oculomotori tramite la retina;
    • Vestibolari tramite gli otoliti;
    • Cute, in particolare quella del versante plantare del piede in quanto soggetta a carico e quindi in grado di riferire info sulla base d’appoggio;
  • Modulazione e coordinazione a opera del sistema nervoso centrale;
  • Output motorio:
    • Muscoli.

Quando una forza esterna o interna perturba il sistema corporeo, il nostro cervello ottiene tutte le informazioni dai suoi recettori e le elabora attraverso due distinti ma integrati circuiti (uno per il mantenimento della postura tonica, statica e uno per il mantenimento dell’equilibrio) situati a livello di tronco encefalico, cervelletto, corteccia motoria, ippocampo, formazione reticolare, nuclei vestibolari e nuclei mesencefalici oltre che di vie spinali specializzate nell’attivazione della muscolatura del tronco.

Tramite le vie discendenti, tali informazioni innescano dei meccanismi a feedforward cioè anticipatori rispetto alla perturbazione prevista e altri a feedback cioè successivi alla rivalutazione delle strategie messe in atto per preservare la postura tonica come fosse un sistema di controllo impeccabile.

Tale sistema è efficiente finché tutti i percorsi neuronali sono integri. Ovviamente, non essendo l’essere umano perfetto come su di un libro di anatomia, di fisiologia o di biomeccanica, il sistema è dotato di una certa elasticità fisiologica (non linearità del sistema) per cui, se dovessero venire meno le informazioni da uno qualsiasi dei recettori, il SNC attingerà maggiormente dagli altri sistemi per far fronte alle perturbazioni esterne e interne senza che ciò sfoci nel patologico.

Conclusione

Il sistema tonico posturale è quel sistema che si occupa di preservare la postura sia statica che dinamica desiderata, malgrado le perturbazioni interne ed esterne. La rilevazione delle perturbazioni è affidata a un sistema recettoriale complesso ed integrato composto da: retina, otoliti, cute, fusi neuromuscolari e organi muscolo-tendinei del Golgi. Tali informazioni ascendono lungo il sistema extrapiramidale, vengono elaborate da una rete neuronale integrata diffusa tra tronco encefalico, cervelletto, corteccia motoria e ippocampo influenzata da esperienza e stato emotivo. Dai centri superiori, tramite i tratti discendenti, viene indotta una risposta motoria coerente con la perturbazione subita.

È importante “informare”, “allenare” o “riabilitare” il Sistema Tonico-Posturale come una funzione importante e fondamentale per il nostro Benessere quotidiano!

Per approfondire o curare il tuo sistema…non esitare a contattarci!

NON E' SOLO QUELLO CHE FAI, MA CIO' CHE PENSI DI FARE CHE FA LA DIFFERENZA.

NOI TI AIUTIAMO A FARLA!

Spondilolistesi: cause, sintomi e cure

Spondilolistesi: cause, sintomi e cure

Il termine spondilolistesi deriva dalla lingua greca: spondilo significa vertebra e olistesi significa scivolare. Qualsiasi vertebra può scivolare fuori posto, ma la spondilolistesi tende a essere più comune nella parte bassa della schiena. Con le vertebre fuori posto e senza un corretto posizionamento, l’intera colonna vertebrale è fuori posto, il che può causare problemi se non viene affrontato.

Spondilolistesi: anterolistesi e retrolistesi

La spondilolistesi si riferisce al posizionamento improprio di una vertebra e si può manifestare in due modi:

  1. Anterolistesi. Il corpo vertebrale è posizionato in avanti rispetto alla vertebra sottostante;
  2. Retrolistesi. Il corpo vertebrale è posizionato all’indietro rispetto alla vertebra sottostante.

L’anterolistesi è più comune della retrolistesi.

Più in generale esistono diversi tipi di spondilolistesi:

  • Spondilolistesi congenita. Il disturbo è presente dalla nascita;
  • Spondilolistesi traumatica, si verifica una frattura in una struttura vertebrale di supporto nella parte posteriore della colonna vertebrale;
  • Spondilolistesi degenerativa, è la più comune ed è spesso associata alla degenerazione del disco intervertebrale, in cui i dischi (ad esempio, a causa degli effetti dell’invecchiamento) perdono idratazione e forniscono meno protezione;
  • Spondilolistesi patologica, può essere dovuta a cause sistemiche, come disturbi dell’osso o del tessuto connettivo o infezioni e neoplasie.

 

Cosa causa la spondilolistesi?

Alcune persone possono essere più a rischio di sviluppare la spondilolistesi rispetto ad altre. Ad esempio, se un membro della famiglia ha la spondilolistesi, il rischio di sviluppare il disturbo potrebbe essere maggiore.

Alcune attività rendono più suscettibili alla spondilolistesi. Ginnaste, calciatori e sollevatori di pesi, ad esempio, esercitano una pressione e un peso significativi sulla parte bassa della schiena. Questi movimenti mettono a dura prova la colonna vertebrale e la spondilolistesi può svilupparsi a seguito di ripetuti sforzi e stress eccessivi.

La spondilolistesi lombare ha cinque cause principali:

  • Un difetto congenito nella faccetta della vertebra provoca spondilolistesi congenita;
  • L’invecchiamento e l’insorgenza dell’artrosi possono causare spondilolistesi degenerativa, ma anche spondiloartrosi;
  • Una lesione spinale, o un trauma che provoca una frattura di una vertebra, quando poi la fa scivolare, determina una spondilolistesi traumatica;
  • Traumi ripetitivi che determinano la comparsa di un difetto all’interno della vertebra. In questo caso saremo di fronte ad una spondilolistesi patologica;
  • Tumore osseo, quindi spondilolistesi patologica.

Spondilolistesi sintomi

Spesso la spondilolistesi non presenta alcun sintomo: è asintomatica e potrebbero essere necessari anni per riconoscere i sintomi, che possono includere:

  • Mal di schiena lombare;
  • Dolore che si estende ai glutei e alle cosce;
  • Dolore che peggiora con l’attività;
  • Muscoli rigidi, muscoli posteriori della coscia stretti o con spasmi muscolari;
  • Difficoltà a stare in piedi o camminare;
  • Sensazione di stanchezza, formicolio, intorpidimento o debolezza alle gambe;
  • Curvatura della colonna vertebrale, nota anche come cifosi.

I sintomi si manifestano in modo diverso in ogni persona. Mentre una persona può lamentare maggiormente una lombalgia, un’altra può provare principalmente dolore alle gambe.

 

Cosa fare in caso di spondilolistesi?

Il trattamento della spondilolistesi dipende dalla gravità del dolore e dal grado di slittamento della vertebra. I trattamenti non chirurgici possono aiutare ad alleviare il dolore e incoraggiare l’osso a tornare al suo posto. È importante evitare sport di contatto durante il processo di guarigione.

I comuni metodi di trattamento non chirurgico includono:

  • Indossare un tutore per la schiena;
  • Assumere farmaci antinfiammatori da banco, o soggetti a prescrizione medica, per ridurre il dolore.
  • Rivolgersi sempre prima a un medico;
  • Iniezioni di steroidi;
  • Fisioterapia.

La correzione chirurgica della vertebra fuori posto è necessaria quando l’osso è scivolato talmente tanto che la colonna vertebrale non risponde alle terapie non chirurgiche. La chirurgia è necessaria anche se le ossa della colonna vertebrale premono sui nervi.

 

Fisioterapia per spondilolistesi

La fisioterapia è uno dei modi più efficaci per trattare la spondilolistesi per 2 motivi principali:

  • Aiuta a rafforzare i muscoli che sostengono la colonna vertebrale;
  • Insegna al paziente come proteggere la colonna vertebrale così da prevenire eventuali futuri infortuni.

La fisioterapia per spondilolistesi comprende trattamenti sia passivi, che attivi.

 

Trattamenti passivi:

  • Massoterapia
  • Terapie calde
  • Crioterapia
  • TENS
  • Ultrasuoni

Trattamenti attivi:

Si tratta di esercizi terapeutici che rafforzano il corpo e aiutano a prevenire il ripetersi di un possibile dolore da spondilolistesi. Il fisioterapista insegna al paziente vari esercizi per migliorare flessibilità, forza, stabilità del core e gamma di movimento. Il programma di fisioterapia è individualizzato, tenendo conto della salute e della storia del paziente.

 

Rivolgiti al nostro centro e risolvi il tuo problema di spondilolistesi!

 

 Per saperne di più leggi l’articolo completo  :

https://www.fisioterapiaitalia.com/blog/spondilolistesi-cause-sintomi-rimedi/ 

NON E' SOLO QUELLO CHE FAI, MA CIO' CHE PENSI DI FARE CHE FA LA DIFFERENZA.

NOI TI AIUTIAMO A FARLA!