Spondilolistesi: cause, sintomi e cure

Spondilolistesi: cause, sintomi e cure

Il termine spondilolistesi deriva dalla lingua greca: spondilo significa vertebra e olistesi significa scivolare. Qualsiasi vertebra può scivolare fuori posto, ma la spondilolistesi tende a essere più comune nella parte bassa della schiena. Con le vertebre fuori posto e senza un corretto posizionamento, l’intera colonna vertebrale è fuori posto, il che può causare problemi se non viene affrontato.

Spondilolistesi: anterolistesi e retrolistesi

La spondilolistesi si riferisce al posizionamento improprio di una vertebra e si può manifestare in due modi:

  1. Anterolistesi. Il corpo vertebrale è posizionato in avanti rispetto alla vertebra sottostante;
  2. Retrolistesi. Il corpo vertebrale è posizionato all’indietro rispetto alla vertebra sottostante.

L’anterolistesi è più comune della retrolistesi.

Più in generale esistono diversi tipi di spondilolistesi:

  • Spondilolistesi congenita. Il disturbo è presente dalla nascita;
  • Spondilolistesi traumatica, si verifica una frattura in una struttura vertebrale di supporto nella parte posteriore della colonna vertebrale;
  • Spondilolistesi degenerativa, è la più comune ed è spesso associata alla degenerazione del disco intervertebrale, in cui i dischi (ad esempio, a causa degli effetti dell’invecchiamento) perdono idratazione e forniscono meno protezione;
  • Spondilolistesi patologica, può essere dovuta a cause sistemiche, come disturbi dell’osso o del tessuto connettivo o infezioni e neoplasie.

 

Cosa causa la spondilolistesi?

Alcune persone possono essere più a rischio di sviluppare la spondilolistesi rispetto ad altre. Ad esempio, se un membro della famiglia ha la spondilolistesi, il rischio di sviluppare il disturbo potrebbe essere maggiore.

Alcune attività rendono più suscettibili alla spondilolistesi. Ginnaste, calciatori e sollevatori di pesi, ad esempio, esercitano una pressione e un peso significativi sulla parte bassa della schiena. Questi movimenti mettono a dura prova la colonna vertebrale e la spondilolistesi può svilupparsi a seguito di ripetuti sforzi e stress eccessivi.

La spondilolistesi lombare ha cinque cause principali:

  • Un difetto congenito nella faccetta della vertebra provoca spondilolistesi congenita;
  • L’invecchiamento e l’insorgenza dell’artrosi possono causare spondilolistesi degenerativa, ma anche spondiloartrosi;
  • Una lesione spinale, o un trauma che provoca una frattura di una vertebra, quando poi la fa scivolare, determina una spondilolistesi traumatica;
  • Traumi ripetitivi che determinano la comparsa di un difetto all’interno della vertebra. In questo caso saremo di fronte ad una spondilolistesi patologica;
  • Tumore osseo, quindi spondilolistesi patologica.

Spondilolistesi sintomi

Spesso la spondilolistesi non presenta alcun sintomo: è asintomatica e potrebbero essere necessari anni per riconoscere i sintomi, che possono includere:

  • Mal di schiena lombare;
  • Dolore che si estende ai glutei e alle cosce;
  • Dolore che peggiora con l’attività;
  • Muscoli rigidi, muscoli posteriori della coscia stretti o con spasmi muscolari;
  • Difficoltà a stare in piedi o camminare;
  • Sensazione di stanchezza, formicolio, intorpidimento o debolezza alle gambe;
  • Curvatura della colonna vertebrale, nota anche come cifosi.

I sintomi si manifestano in modo diverso in ogni persona. Mentre una persona può lamentare maggiormente una lombalgia, un’altra può provare principalmente dolore alle gambe.

 

Cosa fare in caso di spondilolistesi?

Il trattamento della spondilolistesi dipende dalla gravità del dolore e dal grado di slittamento della vertebra. I trattamenti non chirurgici possono aiutare ad alleviare il dolore e incoraggiare l’osso a tornare al suo posto. È importante evitare sport di contatto durante il processo di guarigione.

I comuni metodi di trattamento non chirurgico includono:

  • Indossare un tutore per la schiena;
  • Assumere farmaci antinfiammatori da banco, o soggetti a prescrizione medica, per ridurre il dolore.
  • Rivolgersi sempre prima a un medico;
  • Iniezioni di steroidi;
  • Fisioterapia.

La correzione chirurgica della vertebra fuori posto è necessaria quando l’osso è scivolato talmente tanto che la colonna vertebrale non risponde alle terapie non chirurgiche. La chirurgia è necessaria anche se le ossa della colonna vertebrale premono sui nervi.

 

Fisioterapia per spondilolistesi

La fisioterapia è uno dei modi più efficaci per trattare la spondilolistesi per 2 motivi principali:

  • Aiuta a rafforzare i muscoli che sostengono la colonna vertebrale;
  • Insegna al paziente come proteggere la colonna vertebrale così da prevenire eventuali futuri infortuni.

La fisioterapia per spondilolistesi comprende trattamenti sia passivi, che attivi.

 

Trattamenti passivi:

  • Massoterapia
  • Terapie calde
  • Crioterapia
  • TENS
  • Ultrasuoni

Trattamenti attivi:

Si tratta di esercizi terapeutici che rafforzano il corpo e aiutano a prevenire il ripetersi di un possibile dolore da spondilolistesi. Il fisioterapista insegna al paziente vari esercizi per migliorare flessibilità, forza, stabilità del core e gamma di movimento. Il programma di fisioterapia è individualizzato, tenendo conto della salute e della storia del paziente.

 

Rivolgiti al nostro centro e risolvi il tuo problema di spondilolistesi!

 

 Per saperne di più leggi l’articolo completo  :

https://www.fisioterapiaitalia.com/blog/spondilolistesi-cause-sintomi-rimedi/ 

NON E' SOLO QUELLO CHE FAI, MA CIO' CHE PENSI DI FARE CHE FA LA DIFFERENZA.

NOI TI AIUTIAMO A FARLA!

Dorsalgia: cause, sintomi e cura

Dorsalgia: cause, sintomi e cura

Con il termina dorsalgia si intende dolore o disagio localizzato a livello della zona centrale della colonna vertebrale, più precisamente tra le scapole.

Questo dolore, come quello lombare, è tra le prime cause di assenza sul posto di lavoro e quasi tutti possiamo dire di aver provato, almeno una volta nella vita, questa esperienza.

Sebbene sia facile capire quando si ha una dorsalgia, è molto più difficile risalire alle cause. La medicina parla, infatti, di un’eziologia di tipo multifattoriale. Anche i sintomi e l’intensità del dolore possono essere differenti tra un individuo e l’altro.

 

Dorsalgia cause

Quando la parte superiore della schiena fa male è, probabilmente, dovuto a un infortunio che ha provocato irritazione muscolare o disfunzione articolare. Alcune delle cause più comuni di dorsalgia sono:

  • Traumi. Incidenti automobilistici o in bicicletta, cadute dall’alto o collisioni sportive possono causare dolore alla parte superiore della schiena ferendo ossa spinali, dischi, muscoli, legamenti, nervi e/o altri tessuti molli;
  • Posture errate. Uno stile di vita sedentario può causare cambiamenti strutturali nella schiena e nel collo. I muscoli possono diventare decondizionati e deboli, e quindi non mantenere la colonna vertebrale in allineamento neutro. Quando la testa e le spalle si curvano in avanti, viene esercitata maggiore pressione sulle ossa, sui dischi, sui muscoli, sui legamenti e su altri tessuti molli della colonna vertebrale;
  • Uso eccessivo. Sottoporre la parte superiore della schiena a più lavoro del solito, ad esempio durante un trasloco, potrebbe causare stiramenti muscolari, distorsioni dei legamenti e infiammazioni nella parte superiore della schiena;
  • Tecniche di sollevamento improprie. Sollevare un oggetto pesante senza mantenere la colonna vertebrale allineata può sottoporre a stress eccessivo la parte superiore della schiena. In particolare, sollevare o tenere un oggetto pesante sopra la testa, soprattutto più a sinistra o a destra anziché al centro, può lasciare la spalla e la parte superiore della schiena suscettibili a determinate lesioni. Anche il sollevamento di un oggetto troppo pesante può causare dolore alla parte superiore della schiena.

Alcune delle cause meno comuni di mal di schiena includono:

  • Artrosi;
  • Malattie reumatiche;
  • Alimentazione sbagliata;
  • Fattori biopsicosociali;
  • Ernia del disco dorsale;
  • Deformità spinali;
  • Fratture da compressione;
  • Fibromialgia.

 

Dorsalgia sintomi

I sintomi della dorsalgia possono variare da persona a persona. Per alcuni il dolore potrebbe essere lieve e scomparire entro un paio di giorni, per altri il dolore può peggiorare e interferire con le attività quotidiane. I sintomi del mal di schiena e i piani di trattamento possono variare notevolmente a seconda della causa sottostante il problema.

Tra i sintomi della dorsalgia troviamo:

  • Dolore acuto. Questo dolore è generalmente descritto come lancinante e può sembrare simile a un coltello o come se il paziente si sentisse stretto in una morsa. Di solito il dolore si concentra in un punto invece di diffondersi in una regione;
  • Disagio generale. Il dolore può essere avvertito in uno specifico punto della parte superiore della schiena, ma potrebbe, potenzialmente, diffondersi in un’area vicina, come il collo, la spalla o la regione lombare;
  • Rigidità. Se il dolore acuto o il dolore generale diventano gravi, possono contribuire a una ridotta mobilità dei muscoli, dei legamenti e/o delle articolazioni della parte superiore della schiena. Sebbene la mobilità ridotta della parte superiore della schiena non sia in genere significativa (perché quell’area della colonna vertebrale è pensata più per la rigidità che per il movimento), potrebbe rendere alcuni movimenti del braccio più difficili o addirittura impossibili, come la rotazione o il sollevamento;
  • Dolore radiante. Questo dolore può viaggiare lungo un nervo dalla colonna vertebrale dorsale e potenzialmente penetrare nel braccio, nel torace, nello stomaco o più in basso nel corpo. Il dolore radiante può variare da sordo ad acuto o essere simile a una scossa elettrica e può andare e venire o essere continuo. Di solito si sente solo su un lato del corpo;
  • Formicolio, intorpidimento o debolezza. Proprio come il dolore radiante, questi sintomi possono irradiarsi anche lungo un nervo dalla colonna vertebrale toracica e arrivare al braccio, al torace, allo stomaco o nella parte inferiore del corpo.

Se il mal di schiena diventa abbastanza grave, può influire sulle normali attività, come la capacità di sollevare oggetti moderatamente pesanti, lanciare una palla o persino sedersi o riposare comodamente.

 

Cosa fare in caso di dorsalgia?

Il trattamento della dorsalgia dipende dalle cause e dai sintomi del dolore. Le persone con dolore da lieve a moderato di solito riescono a gestire i sintomi a casa. Puoi provare a gestire i tuoi sintomi con:

  • Farmaci antidolorifici e farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), sempre dopo aver consultato un medico;
  • Un cuscinetto riscaldante per ridurre il dolore e la rigidità;
  • Impacchi di ghiaccio per ridurre dolore e gonfiore;
  • Riposo.

Solitamente è necessario più di un trattamento per aiutare a gestire il dolore alla parte superiore della schiena. Ad esempio, i farmaci potrebbero essere necessari all’inizio del dolore, ma nel tempo i farmaci potrebbero essere gradualmente eliminati a favore della fisioterapia o di altri trattamenti per gestire il dolore cronico in corso.

Raramente la dorsalgia viene trattata con un intervento chirurgico. La chirurgia può essere indicata se sono soddisfatte una o più delle seguenti condizioni:

  • La salute del midollo spinale o delle radici nervose è a rischio.
  • Si è sviluppata o è probabile che si sviluppi una grave deformità spinale.
  • Il dolore debilitante non può essere gestito con metodi non chirurgici.

 

Dorsalgia fisioterapia

Molti casi di mal di schiena dorsale sono causati da affaticamento muscolare dovuto a una postura scorretta. Un fisioterapista può aiutarti ad affrontare le cause alla base del dolore: lavorerà con te per ripristinare il movimento completo e indolore e aiutare il tuo corpo a guarire. Puoi anche imparare come ridurre al minimo o evitare il dolore in futuro.

Ancora più importante per molte persone che soffrono di dorsalgia: un fisioterapista può insegnare una buona postura. Dopo svariati anni di “cattiva postura” può essere facile “disimparare”, ma un fisioterapista può lavorare con te per imparare nuovamente come avere una buona postura e come mantenerla durante il giorno.

La fisioterapia comprende trattamenti sia passivi che attivi. I trattamenti passivi aiutano a rilassare te e il tuo corpo. Sono chiamati passivi perché non devi partecipare attivamente. Tra questi troviamo:

Nella parte attiva della fisioterapia, il fisioterapista insegnerà diversi esercizi per migliorare la flessibilità, la forza, la stabilità del core e la gamma di movimento del tuo corpo. Il programma di fisioterapia è individualizzato, tenendo conto della salute e della storia del paziente. Gli esercizi adatti a te potrebbero non essere adatti a un’altra persona, soprattutto perché il dolore potrebbe non essere causato dalla stessa condizione.

Rivolgiti al nostro centri e risolvi il tuo problema di dorsalgia!

 

 

Per saperne di più leggi l’articolo completo  :

https://www.fisioterapiaitalia.com/blog/dorsalgia-cause-sintomi-esercizi/

NON E' SOLO QUELLO CHE FAI, MA CIO' CHE PENSI DI FARE CHE FA LA DIFFERENZA.

NOI TI AIUTIAMO A FARLA!

Tecarterapia : applicazioni e i suoi benefici

Tecarterapia : applicazioni e i suoi benefici

Se sei entrato almeno una volta in un centro di fisioterapia avrai sentito parlare sicuramente di tecarterapia, anche se non l’hai provata l’avrai sicuramente vista o il paziente prima di te aveva appena terminato l’applicazione.

L’incredibile successo di questo dispositivo lo ha reso in meno di 10 anni dalla sua uscita in commercio, il mezzo fisico fisioterapico:

  • più prescritto dai medici di base, dagli ortopedici e dai fisiatri;
  • più ricercato dai pazienti italiani sui motori di ricerca;
  • più diffuso in italia;
  • più utilizzato dai fisioterapisti!

 

Cos’è la Tecarterapia

Tecarterapia è l’acronimo di Trasferimento Energetico Capacitivo Resistivo, che indica il modo in cui questo dispositivo possa portare uno stimolo biologico ai tessuti.

Ad oggi la grande diffusione della Tecarterapia è sicuramente legata alla sua efficacia terapeutica, che però al momento non è supportata da lavori scientifici importanti.

Il fatto che la Tecarterapia abbia avuto il suo sviluppo in Italia ha molti aspetti positivi ma nello stesso tempo un grande limite legato alla difficoltà di fare ricerca nelle università italiane.

Come funziona

Applicando il principio fisico del condensatore, la Tecarterapia induce all’interno dei tessuti lesi un movimento alterno di attrazione e repulsione (500.000/ 1.000.000 di volte al secondo) delle cariche elettriche degli ioni presenti nei tessuti corporei.
In tal modo la tecarterapia trasferisce energia ai tessuti senza alcuna somministrazione di energia radiante dall’esterno.
Queste “correnti di spostamento” inducono 3 effetti: chimico, meccanico e termico.

Ciò che avviene durante una seduta è che dell’energia viene trasferita ai tessuti mediante due sistemi differenti:

  • Sistema capacitivo 
  • Sistema resistivo

Il fisioterapista può infatti utilizzare la tecarterapia in due modalità differenti per trasferire energia focalizzando l’energia su tessuti differenti in funzione di dove è localizzata la patologia:

  1.  Tecarterapia modalità capacitiva, rilascia più energia nei primi strati sotto l’elettrodo, efficacie sui tessuti molli e superficiali (muscoli, sistema vascolare e linfatico, etc.)
  2. Tecarterapia modalità resistiva, rilascia più energia nei tessuti ad alta impedenza (cioè che lasciano passare minor energia), per questo è utilizzata per applicazioni sui tessuti ossei, cartilaginei, tendinei, aponeurotici.

Nella pratica clinica, infatti, il fisioterapista attua un mix tra capacitivo e resistivo per trattare tutti i tessuti che possono essere implicati nel processo patologico.

Come si realizza un intervento di tecarterapia

L’applicazione di tecarterapia può avvenire in diversi modi:

  • Applicazione base
  • Applicazione integrata con la massoterapia
  • Applicazione integrata con la terapia manuale
  • Applicazione integrata con l’esercizio terapeutico

Nell’applicazione base il fisioterapista, dopo aver collocato la piastra muove l’elettrodo sulla zona da trattare per creare una omogeneità di energia nell’area sofferente. Un’applicazione può durare dai 15/20 minuti per una singola parte del corpo ma può necessitare di tempi maggiori qualora si tratti un’area più estesa come ad esempio l’intera schiena.

Nell’applicazione integrata con la massoterapia il fisioterapista aggiunge all’applicazione base manovre di massoterapia per avere una migliore efficacia in particolare sul tessuto muscolare.

L’applicazione della tecarterapia con la massoterapia consente al fisioterapista di percepire in maniera continua quelle che sono le tensioni muscolari e di agire in maniera più intensa laddove ce ne sia la necessità.

Nell’applicazione integrata con la terapia manuale il fisioterapista utilizza l’elettrodo come fosse l’estensione della sua mano per andare a muovere le articolazioni irrigidite da processi degenerativi o traumatici associando l’effetto terapeutico della tecarterapia con quello specifico del movimento delle articolazioni.

Nell’applicazione integrata con l’esercizio terapeutico il fisioterapista può scegliere piastra e elettrodi adesivi o in alcuni casi utilizzare due manipoli per far si che il paziente possa compiere degli esercizi attivi mentre esegue la seduta terapeutica.

Quest’ultima modalità è estremamente potente in quanto consente di lavorare direttamente sui movimenti che possono essere limitati o dolenti producendo un recupero funzionale più veloce.

Nell’applicazione di un trattamento di Tecarterapia è importante tener presente il ruolo della crema conduttiva (crema ricca di sali, specifica per il trattamento Tecar).

La crema conduttiva per Tecar deve essere spalmata all’inizio del trattamento in modo abbondante sulla piastra di ritorno e essere sempre presente sotto l’elettrodo attivo, quindi aggiunta dal fisioterapista durante il trattamento ogni volta che la cute assorbe quella spalmata precedentemente sulla parte. La crema per Tecarterapia ha un importante ruolo nel trasferimento energetico. Ogni apparecchio per Tecarterapia ha una sua specifica crema conduttiva. 

Benefici

La vibrazione indotta dalla tecarterapia nel tessuto ha diversi effetti a livello biologico e cellulare. E’ possibile infatti riconoscere alla tecarterapia un effetto biostimolante, utile sia nei processi degenerativi che nei processi traumatici, un effetto drenante, utile oltre che nelle patologie estetiche anche in quelle infiammatorie, un incremento della temperatura che può essere utile a rilassare la muscolatura e infine un effetto antidolorifico che è il risultato dei precedenti.

I benefici e i meccanismi fisiologici della Tecarterapia sono molteplici:

  • Miglioramento dell’afflusso arterioso con incremento dell’apporto di sostanze nutritizie ed ossigeno (riduzione delle tensioni muscolari)
  • Miglioramento del deflusso venoso linfatico con più efficiente espulsione di tossine e cataboliti (riduzione dell’infiammazione)
  • Miglioramento dell’equilibrio di membrana di tutte le cellule presenti nell’area trattata Aumento del metabolismo
  • Potenziamento e sinergia con principi attivi che si vogliono veicolare come trattamenti topici

 

Indicazioni Terapeutiche

La tecarterapia può coadiuvare il trattamento di diverse patologie come ad esempio l’artrosi, il mal di schiena, le cervicalgie, le tendiniti e fascite plantare.

Può essere un valido supporto nel trattamento delle contratture muscolari e nel trattamento sintomatico della fibromialgia.
Le fibrosi sono un altro campo di applicazione della tecarterapia. Queste possono verificarsi a seguito di traumi o possono essere primarie come nel caso dell’induratio penis plastica, della sindrome di Dupuytren o nella sindrome di Ledderhose.

In traumatologia trova applicazione nella facilitazione del riassorbimento degli ematomi e nella biostimolazione delle lesioni muscolari.
Va sottolineato che nelle patologie in fase acuta, la tecarterapia può essere applicata vantaggiosamente impostando i parametri in modo da non avere un incremento termico. Quest’ultimo, infatti, si realizza ogni qualvolta il fisioterapista ritiene opportuno impostare parametri di energia da somministrare che superano quelli che il corpo riesce a smaltire. L’incremento termico, che è così utile nel trattamento delle contratture, è controindicato nelle patologie in fase acuta e quindi è la valutazione che il fisioterapista fa prima di eseguire la seduta, a determinare la scelta dell’impostazione dei parametri.

E’ possibile eseguire tecarterapia anche quando sono presenti mezzi di sintesi come ad esempio protesi metalliche.

Durante i trattamenti alla schiena capita spesso che il paziente si rilassi così tanto che si addormenta.
Per questo motivo nella maggior parte dei nostri trattamenti ne facciamo uso, e la integriamo con le tecniche di terapia manuale (mobilizzazioni) o con altre terapie fisiche come laser ad alta potenza, ultrasuoni, onde d’urto o interix.

 

 

 

 

Per saperne di più leggi l’articolo completo  :

 https://www.fisioterapiaitalia.com/tecnologie/tecarterapia/?fbclid=IwAR0MaELNGbOzskfw9TMZ3gYKyGXSWy1UkXwlluO1vlWblTRxpo1slFGcn5A#blocco583 

 

NON E' SOLO QUELLO CHE FAI, MA CIO' CHE PENSI DI FARE CHE FA LA DIFFERENZA.

NOI TI AIUTIAMO A FARLA!

Caso Clinico : risoluzione mal di schiena

Caso Clinico : risoluzione mal di schiena

 

Caso Clinico di successo: la storia di Selvaggia M.Mangia

 

Sono una donna di 30 anni, ho iniziato il mio percorso in questo centro un anno fa dopo tantissime fisioterapie, visite e trattamenti altrove.

Faccio la parrucchiera nella vita e sono mamma di una bimba di 3 anni. Per 10anni ho giocato a pallavolo a livello agonistico.

Da anni soffro di mal di schiena, tanto da bloccarmi e rimanere a letto per giorni,mal di testa e a causa del mio lavoro la mia cervicale sta messa maluccio.. Qnd ho iniziato questo percorso dopo tanti pareri, esiti, referti e diagnosi negativi sulla mia condizione, ho trovato dei professionisti validi e preparati che hanno analizzato da un punto di vista fisico, mentale ed emotivo ogni aspetto.

Intraprendendo un percorso psico motorio con esercizi da eseguire anche a casa sono riuscita a trovare un equilibrio dove gli episodi di malessere sono diminuiti decisamente e quando si ripresentato anche a livello psicofisico sono molto più tollerabili. Ringrazio vivamente chi mi ha consigliato qst centro. Sono molto preparati, gentili e competenti. Lo consiglio vivamente.

 

Se soffri degli stessi sintomi e problematiche contattaci subito al 3474964555 e ci occuperemo di te con una terapia personalizzata ed efficace.

 

 

 

 

 

 

 

NON E' SOLO QUELLO CHE FAI, MA CIO' CHE PENSI DI FARE CHE FA LA DIFFERENZA.

NOI TI AIUTIAMO A FARLA!

Caso Clinico : riabilitazione da intervento alla schiena

Caso Clinico : riabilitazione da intervento alla schiena

 

Caso Clinico di successo: la storia di G.Garau 

 

 Il 03/07/2018 ho fatto un intervento di stabilizzazione della colonna per discopatia evoluta L4-L5 ed L5-S1.

 Un intervento non di poco conto: un intervento doloroso con la paura di tornare a camminare e a fare le cose che mi piacciono.  Mi sono recata nella struttura DiversaMente Benessere del Dott Lorenzo Rossi: non era la prima volta che mi affidavo a lui per i miei problemi.

Fisioterapista molto bravo non solo nella terapia motoria e manuale ma anche sul piano empatico, nel capire l’umore del paziente, pronto a spronarti, ad invogliarti e ad incoraggiarti!                                                                                                   

 Quando sono andata camminavo appena! Nel primo periodo ha trattato maggiormente il dolore; gradualmente mi ha fatto riacquistare la forza ed il controllo di tutta la colonna e l’equilibrio nel camminare; non pensavo che dopo l’intervento non avrei potuto più piegarmi in avanti, muovermi “liberamente” e ritornare piano piano alla normalità

Sono andata vari mesi…una volta a settimana: aumentava gli esercizi fino ad arrivare al traguardo desiderato con grande soddisfazione per entrambi. Il  Dott Rossi è molto bravo su tutti i fronti!  Non mi stancherò mai di ringraziarlo per quanto mi è stato di aiuto perché dopo l’intervento io dipendevo dagli altri…e questa cosa è una cosa che non ho mai sopportato!

 

 Se soffri degli stessi sintomi e problematiche contattaci subito al 3474964555 e ci occuperemo di te con una terapia personalizzata ed efficace.

 

 

 

 

 

 

 

NON E' SOLO QUELLO CHE FAI, MA CIO' CHE PENSI DI FARE CHE FA LA DIFFERENZA.

NOI TI AIUTIAMO A FARLA!